‘A mmiria.

‘A mmiria è comm’â tossa nun se po’ ttrattenè

te trase dint’all’osse si n’ato è meglio ‘e te

te fregne dint’â panza ma nunn’o ddaje a vvedè

-Ma comme, tene cinche e i’ invece tengo tre?

E mo che ce aggia dicere? che mm’avessa ‘nventà?

Cu ’a vocca ll’acqua vino pozzo fà addeventà!

Embè, saje che te dico? Siente ‘sta nuvità:

ajere cacaje strunzo, mm’ascette ‘nu bbabbà!-

 

Gianna Caiazzo

5 dicembre 2mila7

 

 

‘A mmiria.ultima modifica: 2009-08-20T13:25:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo