‘A penna.

Dicette ‘a penna: “Aggia cagnà mestiere

me sento stanca, moscia, sfaticata

‘a quanno è asciuta ‘mmiezo ‘sta tastiera

me pare ca me vo’ dissuccupata.

 

Primma zumpavo allerta ogne minuto

‘a nota, ‘o cunto, ‘a lettera, ‘e llezzione

‘a quanno hanno ‘nventato ‘sta curnuta

nun so’ cchiù ‘a stessa, so’ ghiuta ‘ndepressione!

 

Dint’all’ufficio po nun ne parlammo

ero ‘a patrona e t’’a cummannav’io

mo sto’ gghittata tra làppese e gomme

tutt’a jurnata ‘ncopp’ â scrivania.

 

P’ ’e fatte tuoje però vuò ascì cu mme

so’ stata zitta e te n’ hê apprufittato

quann’ è ‘o mumento t’aggia fa vedè

Saje che te dico? Mo me so’ sseccata! “

 

 

 

Gianna Caiazzo

31 gennaio 2mila9

‘A penna.ultima modifica: 2009-08-20T14:20:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo