‘A surpresa.

Te sto’ fettianno ‘a quanno sì arrivato,

cu ‘stu vestito a ffiore e ‘a nocca ‘nganna,

te sì ppiazzato dint’ô meglio posto

addò è sicuro ca sarraje guardato.

 

E i’ te guardo, mentre passo e spasso,

nun te pozzo levà chist’ uocchie ‘a cuollo,

‘a tentazione è fforte e mme turmenta,

‘o desiderio cresce e nun me lassa.

 

I’ già te veco annuro ‘int’a ‘sti mmane,

te sbatto forte primm’’e te fà mio,

vurria sapè che t’annascunne dinto

‘e tutto chesto po che mme rummane?

 

Spero ca nun me daje ‘na delusione

comm’ hanno fatto ll’ate primm’’e te:

tanti pprumesse, tanti bbelli pparole,

ma po nun m’hanno dato nient’’e buono.

 

Certo però, stavota nun ce casco,

i’ cerco ‘e nun me fà tropp’ illusione.

Stavota ovèro nun m’aspetto niente.

a ccunte fatte sì ssulo… n’uovo ‘e Pasca!

 

                     

Gianna Caiazzo

6 aprile 2mila9

 

‘A surpresa.ultima modifica: 2009-08-20T17:18:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo