‘O 31 ‘e Dicembre.

Embè, i’ nun capisco tutte ll’anne

pecchè t’aggia vedè a ppucundrìa,

stu brivedo ‘int’ê rine fino abbascio

c’haje voglia a tt’arrugnà ma nun te passa.

 

‘Nfra poco è mmezanotte e mme ne vaco,

ma nun me spiego ‘e llacreme ‘int’all’uocchie:

Te fa piacere? Te fa malincunìa?

Pecchè stasera ‘o core nun risponne?

 

So’ ssulo nummero ‘ncopp’ ô calannario,

Dicembre scritto ‘ncapa e ‘o juorno ‘a sotto;

te faccio specie ‘o ssaccio, songo l’urdemo

ma ‘o tiempo, dint’all’anema, è ttutt’uno!

 

Gianna Caiazzo

30 dicembre 2mila8

 

‘O 31 ‘e Dicembre.ultima modifica: 2009-08-20T14:05:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo