‘O giesummino.

Nu juorno cammenanno pe ‘na via

‘e sta Napule scassata e malridotta

m’acchiappaje ‘na tala pucundrìa

chisà pecchè, nemmeno m’arricordo.

ma mo se ben ci penso potè darsi

‘a puzza forte d’’e ssacchette sparze

poco più innanzi sembrava gareggiare

con insistenti olezzi intermittenti e fini

nu giovane cespuglio ‘e sciure ‘e giesummine

ca me pareva ‘e dicere “nun ce sta niente ‘a fà,

‘a puzza ‘e ‘sta munnezza nun se pò sopraffà”

m’amareggiai talmente a questa triste scena

pecchè chillu cespuglio assaje faceva pena

e tra me e me penzaje :

“Chisà si ‘ntiempo veneno a s’’o ppiglià ‘e spazzine

o murarrà asfessiata ‘sta pianta ‘e giesummine?”

 

Gianna Caiazzo

16 settembre 1985

  traduzione

‘O giesummino.ultima modifica: 2009-08-20T13:00:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo