‘A forza d”e pparole.

Te dico ‘na parola chiatta chiatta

d’’a lengua mia, cusuta su misura

te dico chella e nun ne cerco n’ata

pecchè è precisa chello c’aggia dì.

 

Nisciuna voce perbene e ‘mpernacchiata

‘e ‘nu vucabbulario d’’o ttaliano

me pò sservì pe tte pittà ‘o penziero

ca m’aggio fatto dint’â capa mia.

 

Putesse truvà ‘o tèrmene cchiù bbello

‘o cchiù moderno oppure ‘o cchiù sciscì

ma mo t’’o schiaffo cu ‘o nnapulitano

e meglio ‘e chesto nunn ‘o ppuò ccapì!

 

 

Gianna Caiazzo

9 agosto 2mila9

 

‘A forza d”e pparole.ultima modifica: 2009-08-28T11:50:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo