‘A piuma.

Anema mia,

te voglio mmesurà comm’a ll’antiche

te metto ‘ncopp’ ô piatto ‘e ‘na valanza

e all’atu lato ce appojo ‘na bella piuma.

“A mme ce miette?” Fa all’intrasatta ‘a piuma

“ E che te cride ‘e fà cu ‘sta sciuscella?

Ccà p’aizà chesta mappata ‘e rrobba

nun t’abbastasse ‘na carriola ‘e prete!”

“Ave raggione” tra me e me penzaje

“St’anema mia, tra turmiente e affanne

è addeventata almeno ‘nu quintale!

Mo sò guaglione e pesa ‘e ‘sta manera

figurete si ‘a peso tra trent’anne!”

“Hê visto?” me dicette ‘a piuma lesta

“ce staje penzanno ‘a coppa, hê fatto buono;

‘A pise o nunn ’a pise a che te serve?

Te l’hê ‘a purtà, fattenne ‘na raggione!”

 

Gianna Caiazzo

5 settembre 2009

 

traduzione

 

‘A piuma.ultima modifica: 2009-09-05T19:14:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo