Era nuvembre.

 

“Pecchè si ‘a luna ‘ncielo è accussì bbella,

‘ncopp’a ‘sta terra nce sta paura e mmorte?”

Quattuordice anne, tanno, chella notte,

e ‘stu penziero, ca mo è ‘nu ricordo.

Era nuvembre, e ‘o cielo era ‘na gnòstra

migliare ‘e stelle e cchella luna, janca.

Janche erano ‘e ffacce ‘e chella ggente

ca s’astrigneva e ca tremmava forte.

Era nuvembre, e ‘na serata doce,

‘a luna, chella luna, e chi s’’a scorda!

E ‘nluntananza ‘nu chiarore ‘e fuoco,

tinta marvaggia, cuperta ‘e distruzione.

‘O viento s’aizaje a ppoco a ppoco,

purtanno ‘nu lamiento ‘e cumpassione.

 

 

Gianna Caiazzo

22 novembre 2mila10

 

Per non dimenticare il terremoto dell’Irpinia.

Era nuvembre.ultima modifica: 2010-11-23T10:53:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo