‘A tómmola d’’a vita.

 

Era già stato scritto ‘a quacche pparte,

manco si fosse stato n’ambo sicco,

c’’a sciorta mia era azzeccata â toja.

E ‘a dint’ô panariello ‘e chesta vita,

avòta, gira, acàla sotto e ‘ncoppa,

pricisamente uno areto a n’ato,

dduje nummere so’ asciute:

‘O mio e ‘o tuojo.

 

Gianna Caiazzo
4 febbraio 2mila10

‘A tómmola d’’a vita.ultima modifica: 2011-06-18T11:52:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo