‘O core mio.

Voglio chiagnere ‘na lacrema,
annascunnuta a ll’uocchie
d’’o munno indifferente
ca guarda e sse nne va.
Nun voglio parlà ‘e niente
pecchè ogne pparola
è ssulo ‘nu rummore
pe cchi nun vo’ capì.
E ‘o core mio suspira,
mme dice: “Nun dà retta,
parla cu mme sultanto”.
E i’ ‘o stongo a ssentì.
 Gianna Caiazzo
09 febbraio 2014
‘O core mio.ultima modifica: 2014-02-10T20:41:32+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*