‘O suonno ‘e llanno nuovo.

Chist’anno sarrà n’anno ‘e cagnamiente,
m’aggia jettà ‘o ppassato areto ê rine,
n’annata ‘e bbona sciorta assicurata
ca m’aggia cunzulà d’essere nato.

Me faccio ‘na jucata ô bbanco lotto,
unu viglietto, e quanno jesce a strazzione,
che ‘o ddico a ffà ? ‘E nummere so’ cchille!
Me so’ apparato pe ttre ggenerazzione.

Âmma parlà ‘e ll’ ammore… e nc’è bbisogno?
Pozzo scialà cu ‘e ffemmene cchiù bbelle;
bbasta ca schiocco ‘e ddete e cchesta e cchella
fanno a ccapille pe mme puté vasà .

E pp”a salute … nun c’ è preoccupazione…
cu cchesta pacchia io campo cchiù ‘e cient’anne,
‘a cuntentezza me scanza da ‘e malanne
e ‘a “naso ‘e cane” mme po’ ppure aspettà.

Oj mà, si tutto chesto fosse overo!
Si finarmente nunn êssa cchiù ssunnà,
e ‘o suonno e tutte ll’anne addeventasse,
proprio chist’anno,’na bbella rialtà.

Gianna Caiazzo
9 gennaio 2mila14
‘O suonno ‘e llanno nuovo.ultima modifica: 2014-02-10T13:07:28+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*