Era nuvembre.

 

“Pecchè si ‘a luna ‘ncielo è accussì bbella,

‘ncopp’a ‘sta terra nce sta paura e mmorte?”

Quattuordice anne, tanno, chella notte,

e ‘stu penziero, ca mo è ‘nu ricordo.

Era nuvembre, e ‘o cielo era ‘na gnòstra

migliare ‘e stelle e cchella luna, janca.

Janche erano ‘e ffacce ‘e chella ggente

ca s’astrigneva e ca tremmava forte.

Era nuvembre, e ‘na serata doce,

‘a luna, chella luna, e chi s’’a scorda!

E ‘nluntananza ‘nu chiarore ‘e fuoco,

tinta marvaggia, cuperta ‘e distruzione.

‘O viento s’aizaje a ppoco a ppoco,

purtanno ‘nu lamiento ‘e cumpassione.

 

 

Gianna Caiazzo

22 novembre 2mila10

 

Per non dimenticare il terremoto dell’Irpinia.

‘O Vesuvio.

‘Nu coso niro a fforma ‘e cuppulone

ca stenne ‘e bracce dint’a chistu mare

s’ astregne l’onne ‘mpietto e ll’arrevota.

 

Sta llà comm’a ‘nu viecchio dispettuso

ca s’è piazzato justo mmiez’â casa

ca dorme a ssuonno chino

e guaie a chi ‘o sceta.

 

 

 

Gianna Caiazzo

18 novembre 2009

E’ ‘nu criaturo.

 

“Peppì , ccà è già  passata mezanotte

e ‘o Bammeniello ancora nun se vede

‘e zampugnare se so’ llamentate

e ‘a ggente sta durmenno annanze ‘a ‘rotta.

 

‘E tre Rre Magge se songhe sfasteriate

dicene ca s’hanna retirà

pure ‘a cumeta sta piglianno ‘a ‘nziria

e già ‘nu paro ‘e vote s’è stutata.”

 

All’intrasatta sponta ‘na manella

tene a Giesù Bammino ‘ncopp’ê ddete

se ‘nfizza chianu chiano ‘int’ â capanna

e l’ appoja doce dint’ â cunnulella.

 

“ E ffinarmente se so’ arricurdate!

chist’anno m’hanno fatto spantecà

a n’atu ppoco se faceva juorno

e tu, nun dice niente ca sì ‘o pate?”

 

“Marì, nun t’arraggià, è ‘nu criaturo

sicuramente se sarrà addurmuto!”

 

 

Gianna Caiazzo

21 novembre 2mila9

‘A piuma.

Anema mia,

te voglio mmesurà comm’a ll’antiche

te metto ‘ncopp’ ô piatto ‘e ‘na valanza

e all’atu lato ce appojo ‘na bella piuma.

“A mme ce miette?” Fa all’intrasatta ‘a piuma

“ E che te cride ‘e fà cu ‘sta sciuscella?

Ccà p’aizà chesta mappata ‘e rrobba

nun t’abbastasse ‘na carriola ‘e prete!”

“Ave raggione” tra me e me penzaje

“St’anema mia, tra turmiente e affanne

è addeventata almeno ‘nu quintale!

Mo sò guaglione e pesa ‘e ‘sta manera

figurete si ‘a peso tra trent’anne!”

“Hê visto?” me dicette ‘a piuma lesta

“ce staje penzanno ‘a coppa, hê fatto buono;

‘A pise o nunn ’a pise a che te serve?

Te l’hê ‘a purtà, fattenne ‘na raggione!”

 

Gianna Caiazzo

5 settembre 2009

 

traduzione

 

Cade ‘na stella.

Cirche ‘na stella ca cade dint’ô cielo

c’abbruscia e corre dint’ô manto niro

se stuta fino all’urdemo respiro

felice ‘e te fà ‘o meglio d’’e regale.

 

È ggioia pe ll’uocchie, è mmèle p’’o penziero

e ‘o dono ‘e t’avverà ‘nu desiderio

mentre ca more te lascia ‘na speranza

ca ‘o suonno tuojo putesse essere ovèro.

 

Gianna Caiazzo

12 agosto 2mila9

‘A forza d”e pparole.

Te dico ‘na parola chiatta chiatta

d’’a lengua mia, cusuta su misura

te dico chella e nun ne cerco n’ata

pecchè è precisa chello c’aggia dì.

 

Nisciuna voce perbene e ‘mpernacchiata

‘e ‘nu vucabbulario d’’o ttaliano

me pò sservì pe tte pittà ‘o penziero

ca m’aggio fatto dint’â capa mia.

 

Putesse truvà ‘o tèrmene cchiù bbello

‘o cchiù moderno oppure ‘o cchiù sciscì

ma mo t’’o schiaffo cu ‘o nnapulitano

e meglio ‘e chesto nunn ‘o ppuò ccapì!

 

 

Gianna Caiazzo

9 agosto 2mila9

 

‘Nu suonno.

 

Vulesse addeventà ‘na puetessa

‘na penna fina, ‘nu poco ‘na Trilussa.

Vulesse ‘nu ritratto comm’a SSaffo

cu ’o foglio ‘mmano e ‘a penna ‘mpont’ô musso.

 

Però m’accuntentasse ‘e chistu suonno:

quaccuno cammenanne tra cient’anne,

truvanno ‘na puisia jettata ‘nterra,

liggennela dicesse: Chesta è Gianna!

 

Gianna Caiazzo

29 giugno 2mila9

 

‘O spassatiempo.

 

Granone abbrustuluto e ‘mmericane

semmente, pistacchie, cicere ‘ntustate,

p’ accuntentà a mmugliereta, ê ccriature,

ô nonno, â nonna  e ppure ê cainate.

 

Nun ce sta pranzo dint’a ‘sti quartiere

ca nun fernesce cu cchistu capriccio,

‘nfra ‘na resata e ‘nu bicchiere ‘e vino

‘na chiacchierata  e ‘na battuta ‘e spiccio.

 

Mo se cuntratta cu cchello ch’è avanzato:

diece  semmente pe qquatto ‘mericane;

cchiù pe ‘nu rito ca pe ‘nu ‘nteresse

se fa ‘o bbaratto comm’a ‘nu mercato.

 

‘Nu pugno ‘e cicere cade dint’ ô vino

 e llà rummane fino a sse spugnà;

quanno sarranno tiennere a puntino

t’’e mmagne a ssurze, senza mastecà .

 

Po’ chianu chiano ‘a chiacchiera se smorza,

quacche rresata ancora se ne va,

 fernesce dint’a ‘na muntagna ‘e scorze

chistu mumento ‘e cunvivialità.

 

 

Gianna Caiazzo

28 giugno 2mila9