Fessobbucco.

Uno ‘e ‘sti juorne me scrivo a Fessobbucco,

m’avoto e ggiro e ‘o veco a tutte parte,

vogl’ì cercanno tutta chella ggente

c’aggio perduto tantu tiempo fa.

 

M’aggia ‘ntallià pur’ io ‘nu paro d’ore,

ì spuculianno dint’ê fatt’’e ll’ate,

aggia ‘nfizzà ‘nu nommo dint’ô spazzio

e aggia vedè ‘a risposta ca me da.

 

Voglio capì comme s’è ffatto chillo,

a chi cunosce chella tala perzona,

quanta cumpagne tene ‘a cumpagna mia,

‘e tutte cose me vogl’ì a ‘ntricà.

 

Aggia parià ‘ncopp’ê bbacheche ‘e ll’ate,

vaco scrivenno quatto fessarie;

‘na resatella ‘na parola ‘e spiccio,

pure ‘e nnuttate nce voglio passà.

 

‘Int’ô prufilo metto ‘a fotografia:

tutt’’a famiglia cu mmugliera e ffiglie,

pecchè chi ‘a vede nun se fa illusione,

songo ‘mpignato e nun se pò allargà.

 

Nun me voglio sentì ‘nferiore  a ll’ate,

me votto dint’ô uebbo e statte bbuono,

aggi’ apparà na migliarata ‘e ggente

e tutt’’e juorne me l’aggia ì a cuntà.

 

Me voglio fà  p’amice ‘e meglie nomme,

nun me ne ‘mporta si nunn ‘e ccunosco,

‘o nnicessario pe mme è ca quann’’o ddico

‘a tutte quante m’aggia fà mmirià.

 

E nun fa niente si faticammo ‘nzieme,

si ‘e ‘ncontro tutt’’e juorne ‘ncopp’ô posto,

si a quaccheduno quanno ‘o veco ‘o scanzo,

ma dint’â fessobbucco nce hadda stà.

 

‘Stu grande parlamiento virtuale

è ‘na ‘mmenzione ca me piace assaje,

parlà ‘a vicino mo s’è ffatto antico,

i’ so’ mmoderno, che nce pozzo fà?

 

 

Gianna Caiazzo

1 maggio 2mila9

 

‘O scarto.

Patatè stamme ‘a ssentì
pecchè ‘o ssaccio ca me siente
nun me fà recchie ‘e mercante
a quatt’uocchie amma parlà.

E vabbuò staje ‘ndaffarato
ma nun t’aggio chiesto niente
sulamente ‘na preghiera
‘nu minuto me l’ hê ‘a dà.

Forse mo nunn’è ‘o mumento
stanno cose cchiù ‘mportante
i’ mo t”o ‘ccummencio a ddicere
po’ decide tu ch’ hê ‘a fà.

Scanzame d’ ‘a ggente ‘e niente
da ‘e mmeriuse e dda ‘e ssanguette
‘a chi fa ‘na bella faccia
e ss’avota a rrusecà.

Scanzame da ‘e sicciaiuole
ca t’asseccano ‘int’a ll’osse
‘a chi pare muchiosurdo
ma è ‘o peggio ca ce sta.

Dice ca sto’ esaggeranno?
Ch’ îssa rimmané tu sulo?
Tu accummience a ffà ‘stu scarto
po’ vedimme chi ce ‘a fa.

 

 

Gianna Caiazzo

28 aprile 2mila9

 

‘E llancette.

Se cagnano e se scagnano

Comm’a ddoje guardie â reggia

se ‘ncontrano, se scontrano

mo girano p”o llargo

marciano passo passo

se ‘mpontano all’attenti

se passano ‘a cunzegna

se mettono ‘e rimpetto

mo fanno n’atu turno

‘o giro se ripete

‘a longa corre annanze

‘a piccerella areto.

 

Gianna Caiazzo

17 aprile 2mila9

 

‘A surpresa.

Te sto’ fettianno ‘a quanno sì arrivato,

cu ‘stu vestito a ffiore e ‘a nocca ‘nganna,

te sì ppiazzato dint’ô meglio posto

addò è sicuro ca sarraje guardato.

 

E i’ te guardo, mentre passo e spasso,

nun te pozzo levà chist’ uocchie ‘a cuollo,

‘a tentazione è fforte e mme turmenta,

‘o desiderio cresce e nun me lassa.

 

I’ già te veco annuro ‘int’a ‘sti mmane,

te sbatto forte primm’’e te fà mio,

vurria sapè che t’annascunne dinto

‘e tutto chesto po che mme rummane?

 

Spero ca nun me daje ‘na delusione

comm’ hanno fatto ll’ate primm’’e te:

tanti pprumesse, tanti bbelli pparole,

ma po nun m’hanno dato nient’’e buono.

 

Certo però, stavota nun ce casco,

i’ cerco ‘e nun me fà tropp’ illusione.

Stavota ovèro nun m’aspetto niente.

a ccunte fatte sì ssulo… n’uovo ‘e Pasca!

 

                     

Gianna Caiazzo

6 aprile 2mila9

 

Arriva ‘o juorno.

‘Nu paro ‘e pennellate niro funno

schizziat’’e janco ‘ncopp’a ‘nu foglio ‘e cielo

cummoglia ‘e suonne ‘e ‘nu munno d’uocchie

ancora chiuse dint’ô suonno d’’a sera.

 

‘Na sbavatura ‘e russo saglie chiano

s’appoja ‘ncopp’ê palazze e rrompe ‘o nniro

s’arrampeca addó ‘e stelle ancora lùcene

‘e stuta a una a una e ll’annasconne.

 

‘A luce a ppoco a ppoco allaga ‘a notte

pazzéa cu ‘e ttinte c’ha ‘mprestato ô mare

tutt’a ‘nu tratto ‘na vampata d’oro

s’appiccia ‘int’ê ffeneste e abbruscia ll’aria.

 

 Gianna Caiazzo

3 aprile 2009

 

‘O Genius Loci.

Se dice c’ogne posto tene n’anema

‘na linfa ca lle scorre ‘int’ô tturreno

‘a forza ‘e ‘nu richiammo misteriuso

c’ammalia comm’ô canto ‘e ‘na Sirena.

‘Nu ffuoco ca te marchia quanno nasci

‘na fiamma c’arde senza fà rummore

‘na cosa forte comm’a ‘na catena

ca t’arravoglia fino a ca nun muore.

Se chiamma Genio ma nunn è cumm’a fiabba

ccà nun ‘mbruscin’’a lampa e tt’accumpare

ma s’annasconne, se ‘mpregna dint’ô core

nun sì ppadrone, ccà sì ttu ‘o schiavo!

Gianna Caiazzo

28 marzo 2mila9

 

‘A penna.

Dicette ‘a penna: “Aggia cagnà mestiere

me sento stanca, moscia, sfaticata

‘a quanno è asciuta ‘mmiezo ‘sta tastiera

me pare ca me vo’ dissuccupata.

 

Primma zumpavo allerta ogne minuto

‘a nota, ‘o cunto, ‘a lettera, ‘e llezzione

‘a quanno hanno ‘nventato ‘sta curnuta

nun so’ cchiù ‘a stessa, so’ ghiuta ‘ndepressione!

 

Dint’all’ufficio po nun ne parlammo

ero ‘a patrona e t’’a cummannav’io

mo sto’ gghittata tra làppese e gomme

tutt’a jurnata ‘ncopp’ â scrivania.

 

P’ ’e fatte tuoje però vuò ascì cu mme

so’ stata zitta e te n’ hê apprufittato

quann’ è ‘o mumento t’aggia fa vedè

Saje che te dico? Mo me so’ sseccata! “

 

 

 

Gianna Caiazzo

31 gennaio 2mila9

Uocchie dint’â guerra.

Uocchie sperdute

dint’â pazzia d’’o munno

dint’ê mmane d’’e gruosse

c’accussì gruosse nun songhe.

 

Uocchie stutate

dint’â luce d’’o juorno

‘ncopp’â  strada d’’a vita

‘ncopp’ ô suonno ‘e ‘nu suonno.

 Uocchie sgranate

dint’ô scuro d’’a notte

‘nfaccia â faccia d’’a morte.

Uocchie…uocchie ‘nfuse

‘ncopp’ â miseria ‘e ll’ommo.

 

Gianna Caiazzo

14 gennaio 2mila9 

 

Dedicata ai bambini delle guerre di tutti i tempi.