‘A casa d”o Gladiatore.

(Troppa abbundanza ‘ncopp’a cchella via)

 

 

S’è sfrantummata dint’a ‘nu minuto,

migliare d’anne dint’a ‘nu muntone,

‘nu nquaraquacchio e ppo tutt’’è ffernuto

cu ‘na ‘ncasata d’acqua  e quacche ttruono.

 

Manco ‘o Vesuvio nce ha pututo, allora:

culate ‘e lava, terramote e ffuoco;

‘a  strafuttenza è stata peggio ancora,

chella ll’ha sfravecata a ppoco a ppoco.

 

Mo jesce ‘o masto ‘o stròloco e ‘o duttore,

se stùriano ‘a mappata ‘e prete ‘nterra,

ognuno corre a ss’alliscià ‘o tesoro.

Doppo arrubbato miette ‘e pporte ‘e fierro.

 

Gianna Caiazzo

10 novembre 2mila10

Era nuvembre.

 

“Pecchè si ‘a luna ‘ncielo è accussì bbella,

‘ncopp’a ‘sta terra nce sta paura e mmorte?”

Quattuordice anne, tanno, chella notte,

e ‘stu penziero, ca mo è ‘nu ricordo.

Era nuvembre, e ‘o cielo era ‘na gnòstra

migliare ‘e stelle e cchella luna, janca.

Janche erano ‘e ffacce ‘e chella ggente

ca s’astrigneva e ca tremmava forte.

Era nuvembre, e ‘na serata doce,

‘a luna, chella luna, e chi s’’a scorda!

E ‘nluntananza ‘nu chiarore ‘e fuoco,

tinta marvaggia, cuperta ‘e distruzione.

‘O viento s’aizaje a ppoco a ppoco,

purtanno ‘nu lamiento ‘e cumpassione.

 

 

Gianna Caiazzo

22 novembre 2mila10

 

Per non dimenticare il terremoto dell’Irpinia.

Buongiorno, vita!

Solo un chiacchierìo di uccelli

il cielo sempre più limpido

e ancora infreddolito

sembra coprire gli ultimi sogni.

Il sole appena sveglio

si alza pian piano guardandosi intorno

per vedere se tutto è a posto

Ancora un po’ assonnato, guarda la luna

che si allontana lentamente, come a dire:

“Puoi andare, sono arrivato!”

E la luna pallida

per la lunga notte passata all’addiaccio

si allontana sempre più in fretta

 per arrivare in tempo dall’altra parte.

Va via l’odore della notte.

Buongiorno, vita!

 

 

Gianna Caiazzo

1984

 

Pene d’amore.

Amore.

Cado sotto il peso di questa parola

felice di esserne schiacciata.

Negli occhi spenti e nella mente vuota

il bisogno del tuo sorriso

che non voglio per me ma per il tuo viso

che mi scaraventa nel vuoto quando sorride.

Non soffrire mai, neanche per me

non soffrire mai da solo, neanche per me.

Accarezzo col pensiero il tuo volto, la tua rabbia

e la tristezza, che fa male quanto il tuo silenzio

 

 

 

Gianna Caiazzo

1985

(dedicata a Vittorio)

‘O Vesuvio.

‘Nu coso niro a fforma ‘e cuppulone

ca stenne ‘e bracce dint’a chistu mare

s’ astregne l’onne ‘mpietto e ll’arrevota.

 

Sta llà comm’a ‘nu viecchio dispettuso

ca s’è piazzato justo mmiez’â casa

ca dorme a ssuonno chino

e guaie a chi ‘o sceta.

 

 

 

Gianna Caiazzo

18 novembre 2009

E’ ‘nu criaturo.

 

“Peppì , ccà è già  passata mezanotte

e ‘o Bammeniello ancora nun se vede

‘e zampugnare se so’ llamentate

e ‘a ggente sta durmenno annanze ‘a ‘rotta.

 

‘E tre Rre Magge se songhe sfasteriate

dicene ca s’hanna retirà

pure ‘a cumeta sta piglianno ‘a ‘nziria

e già ‘nu paro ‘e vote s’è stutata.”

 

All’intrasatta sponta ‘na manella

tene a Giesù Bammino ‘ncopp’ê ddete

se ‘nfizza chianu chiano ‘int’ â capanna

e l’ appoja doce dint’ â cunnulella.

 

“ E ffinarmente se so’ arricurdate!

chist’anno m’hanno fatto spantecà

a n’atu ppoco se faceva juorno

e tu, nun dice niente ca sì ‘o pate?”

 

“Marì, nun t’arraggià, è ‘nu criaturo

sicuramente se sarrà addurmuto!”

 

 

Gianna Caiazzo

21 novembre 2mila9