Notte d’inverno.

Notte di nuvole ingarbugliate

di finestre spente nel silenzio

di sogni che corrono

portandoti nei luoghi più lontani.

E non ascolti il rumore del vento

che batte forte sui vetri

appannati da un tepore che sfida il freddo.

Le lacrime di pioggia tintinnano sul tetto

ninna nanna per chi è sveglio come me.

Dolce sottofondo ai miei pensieri

il frusciare delle foglie strapazzate

dall’alito freddo di questa notte.

 

 

Gianna Caiazzo

1984

Foglie nel vento.

 

 

Ti incontrai in una pagina della mia vita

che il vento voltò sospingendomi come foglia

lontano, nel mulinello d’una strada d’autunno.

Danzarono le stagioni,

danzarono il ricordo e l’oblio.

Ti cercai.

Ma anche tu come foglia, sospinta lontano dal vento

nel gelido cielo d’inverno,

non c’eri più.

 

 

Gianna Caiazzo

21 settembre 2mila9

 

Dedicata a Titti, scomparsa prematuramente.

Osservazioni di un giorno di maggio.

 

 

 

Non è aprile, questo, né giugno

né un orologio montato su un palazzo

né una fontana che ci illude per tre giorni

e tanta gente colorata che ha trovato finalmente un’oasi

né il sole che inizia a scagliare sassi

né i riflettori spenti sul palcoscenico della piazza.

Non è aprile né giugno.

E gli abiti mi si sciolgono addosso

mentre un vecchio aspetta alla fermata

che passi la sua diligenza

trainata da cavalli meccanici

e un prete, vestito di nero sotto il sole,

avrebbe voglia di spogliarsi nudo.

Tra i pullman colorati io prendo l’arancione

che mi sta meglio.

“Logorio addio”, me ne vado appena parte.

Non è aprile né giugno.

 

 

 

Gianna Caiazzo

17 maggio 1985

 

 

 

 

Vincitrice 2° premio Memorial Sparagna 2009

 

 

Pomeriggio estivo.

 

Col silenzio delle foglie

immobili, prive di vento

e le grida della giovinezza

che gioca per strada

nasce dentro gioia e tristezza.

E’ l’aria una calda coperta

che ti avvolge esageratamente

e le cose lontane

sembrano nascoste da un velo.

I raggi stanchi del sole

si diffondono ancora.

Tutto sembra si prepari

per andare in vacanza

mentre io resto a contemplare

questo pomeriggio d’estate.

 

 

 

Gianna Caiazzo

1984

‘A piuma.

Anema mia,

te voglio mmesurà comm’a ll’antiche

te metto ‘ncopp’ ô piatto ‘e ‘na valanza

e all’atu lato ce appojo ‘na bella piuma.

“A mme ce miette?” Fa all’intrasatta ‘a piuma

“ E che te cride ‘e fà cu ‘sta sciuscella?

Ccà p’aizà chesta mappata ‘e rrobba

nun t’abbastasse ‘na carriola ‘e prete!”

“Ave raggione” tra me e me penzaje

“St’anema mia, tra turmiente e affanne

è addeventata almeno ‘nu quintale!

Mo sò guaglione e pesa ‘e ‘sta manera

figurete si ‘a peso tra trent’anne!”

“Hê visto?” me dicette ‘a piuma lesta

“ce staje penzanno ‘a coppa, hê fatto buono;

‘A pise o nunn ’a pise a che te serve?

Te l’hê ‘a purtà, fattenne ‘na raggione!”

 

Gianna Caiazzo

5 settembre 2009

 

traduzione

 

Cade ‘na stella.

Cirche ‘na stella ca cade dint’ô cielo

c’abbruscia e corre dint’ô manto niro

se stuta fino all’urdemo respiro

felice ‘e te fà ‘o meglio d’’e regale.

 

È ggioia pe ll’uocchie, è mmèle p’’o penziero

e ‘o dono ‘e t’avverà ‘nu desiderio

mentre ca more te lascia ‘na speranza

ca ‘o suonno tuojo putesse essere ovèro.

 

Gianna Caiazzo

12 agosto 2mila9

‘A forza d”e pparole.

Te dico ‘na parola chiatta chiatta

d’’a lengua mia, cusuta su misura

te dico chella e nun ne cerco n’ata

pecchè è precisa chello c’aggia dì.

 

Nisciuna voce perbene e ‘mpernacchiata

‘e ‘nu vucabbulario d’’o ttaliano

me pò sservì pe tte pittà ‘o penziero

ca m’aggio fatto dint’â capa mia.

 

Putesse truvà ‘o tèrmene cchiù bbello

‘o cchiù moderno oppure ‘o cchiù sciscì

ma mo t’’o schiaffo cu ‘o nnapulitano

e meglio ‘e chesto nunn ‘o ppuò ccapì!

 

 

Gianna Caiazzo

9 agosto 2mila9

 

‘Nu suonno.

 

Vulesse addeventà ‘na puetessa

‘na penna fina, ‘nu poco ‘na Trilussa.

Vulesse ‘nu ritratto comm’a SSaffo

cu ’o foglio ‘mmano e ‘a penna ‘mpont’ô musso.

 

Però m’accuntentasse ‘e chistu suonno:

quaccuno cammenanne tra cient’anne,

truvanno ‘na puisia jettata ‘nterra,

liggennela dicesse: Chesta è Gianna!

 

Gianna Caiazzo

29 giugno 2mila9

 

‘O spassatiempo.

 

Granone abbrustuluto e ‘mmericane

semmente, pistacchie, cicere ‘ntustate,

p’ accuntentà a mmugliereta, ê ccriature,

ô nonno, â nonna  e ppure ê cainate.

 

Nun ce sta pranzo dint’a ‘sti quartiere

ca nun fernesce cu cchistu capriccio,

‘nfra ‘na resata e ‘nu bicchiere ‘e vino

‘na chiacchierata  e ‘na battuta ‘e spiccio.

 

Mo se cuntratta cu cchello ch’è avanzato:

diece  semmente pe qquatto ‘mericane;

cchiù pe ‘nu rito ca pe ‘nu ‘nteresse

se fa ‘o bbaratto comm’a ‘nu mercato.

 

‘Nu pugno ‘e cicere cade dint’ ô vino

 e llà rummane fino a sse spugnà;

quanno sarranno tiennere a puntino

t’’e mmagne a ssurze, senza mastecà .

 

Po’ chianu chiano ‘a chiacchiera se smorza,

quacche rresata ancora se ne va,

 fernesce dint’a ‘na muntagna ‘e scorze

chistu mumento ‘e cunvivialità.

 

 

Gianna Caiazzo

28 giugno 2mila9