‘A fata.

‘Nu juorno me chiammaje ‘na vicchiarella
e mme dicette: “Oj ne’ famme ‘o favore,
aiutame a ppassà ô muro ‘e rimpetto,
damme ‘na mana, ja’, bbella figlióla!

I’ zitta m’’a mettetto sott’ô vraccio
e subbeto ‘a purtaje ‘a chill’atu lato
ma a ll’intrasatta ‘int’’a ‘nu sbruffo d’oro
‘a vicchiarella addiventaje ‘na fata.

“Siccomme hê fatto chesta bbona azione,
te voglio fà avverà ‘nu desiderio,
tu dimme chello ca te sta cchiù a ccore
e annanze a ll’uocchie t’addiventa ovèro.”

‘A capa me girava a cciento a ll’ora,
me dumannavo: e mmo che ce aggia dì?
Che lle rispongo: salute, sorde, Ammore?
E comme faccio a scegliere accussì!

“Signora mia, i’ ve ringrazio assaje”
lle rispunnette cu n’ombra ‘e pudore
“Si ve dicesse ‘e sorde me sbagliasse:
ched’è ‘a ricchezza si nun tiene ‘Ammore?

Che sso’ ‘e denare si te siente sulo,
si nun ce sta surriso ca te scarfa?
Salute se nne va si soffre ‘o core,
si nun ce sta nisciuno ca t’abbraccia.

Damme ll’Ammore, chesto aggio deciso,
damme ‘o penziero ‘e ‘nu core ca t’aspetta.
damme ‘o calore ‘e chella mana amica
ca t’aiuta a ppassà ô muro ‘e rimpetto.”

 

 

Gianna  Caiazzo

7 novembre  2mila11

 

 

‘A tartaruca.

‘Na tartaruca. Songo ‘na tartaruca!
Me ‘ntronano ‘int’ê rrecchie ‘sti pparole.
Ma nun putevo nascere farfalla?
Vulesse svulazzà ‘na vota sola!

Marò, che sto’ ddicenno, ‘na farfalla?
‘Stu desiderio me pare ‘nu peccato.
So’ nnata tartaruca e mme lamento?
Nunn ’o ddicite, ‘o ssaccio, aggio sbagliato.

Nun tengo ‘e scelle e mme ne vaco a ppede,
e troppo spisso me lagno ca so’ mmoscia,
ma po ce penzo ‘a coppa e mm’ addimanno:
c’hadda fà ‘o verme ca nun tene ‘e ccosce?

Perciò, scusate si so’ stata ‘ngrata;
faccio male penziere e mme ne pento;
Ognuno nasce comm’è ddestinato:
so’ nnata tartaruca e sso’ ccuntenta.

 

Gianna Caiazzo

10 novembre 2mila10

 Diversità e disabilità: valore e risorsa.

Pene d’amore.

Amore.

Cado sotto il peso di questa parola

felice di esserne schiacciata.

Negli occhi spenti e nella mente vuota

il bisogno del tuo sorriso

che non voglio per me ma per il tuo viso

che mi scaraventa nel vuoto quando sorride.

Non soffrire mai, neanche per me

non soffrire mai da solo, neanche per me.

Accarezzo col pensiero il tuo volto, la tua rabbia

e la tristezza, che fa male quanto il tuo silenzio

 

 

 

Gianna Caiazzo

1985

(dedicata a Vittorio)

Longa longa.

‘Na poesia longa longa, longa,

chiena ‘e parole, longa, longa longa,

si me scervello m’ ’a pozzo ‘nventà

ma longa longa nunn ‘a saccio fà.

 

Ce aggio penzato ma nun ce riesco

nce metto ‘e strofe ‘a rima e quacche punto

me sforzo, sì, però me rendo conto

ca chistu bbroro nun se pò allungà.

 

Forze sarrà pecchè m’ ’e ‘nvent’ ‘e notte

cu ll’uocchie apierte dint’â stanza ô scuro

mo aggio capito pecchè ‘e ffaccio corte:

me piglia ‘o suonno e ppo ll’aggia taglià!

 

 

Gianna Caiazzo

21 novembre 2mila8